I dieci punti di forza dei degustatori italiani secondo Norberto

1

01/07/2016 di movimentobirra

 

  1. La tradizione culinaria:

L’enorme importanza per il popolo italiano della cucina e del convivio non è certo un segreto, una tradizione secolare che ha cementato la nostra attitudine al gusto e che ci ha abituato ad apprezzare e riconoscere il buon cibo e il buon bere.

  1. La tradizione vinicola:

Il vino è anch’esso parte integrante della nostra storia e del nostro quotidiano. La sua presenza costante a tavola è un viatico quasi obbligato che ci permette di maturare fin da ragazzi l’attitudine alla degustazione e agli abbinamenti.

  1. L’assenza di tradizione birraria:

La mancanza di una vera tradizione in ambito birrario se da un lato è senz’altro un limite da un altro ci consente di affrontare l’argomento con l’entusiasmo del neofita, senza farci limitare da vecchi tabù o limitanti consuetudini e di attingere al meglio sia dalla tradizione altrui che dall’innovazione degli ultimi tempi.

  1. Il Movimento birrario:

Tra i recenti movimenti legati alla birra di qualità quello che si è sviluppato nel nostro paese è stato ed è tra i più interessanti, rapidi e floridi in assoluto.

  1. L’ homebrewing:

Vedi sopra. Se l’interesse per la cosidetta birra artigianale è da noi vivissimo ancora di più lo è quello per la birra fatta in casa. Una passione assai utile anche per maturare importanti esperienze degustative.

  1. I corsi di degustazione:

tutto sommato, malgrado qualche alto e basso e soprattutto qualche limite nella coordinazione tra i vari enti, la proposta formativa in ambito birrario è di ottimo livello.

  1. Kuaska:

Ce l’abbiamo solo noi.

  1. La fantasia e la creatività:

Non è un luogo comune: fanno parte del nostro DNA. Quando ben utilizzate sono in grado di fornirci quell’ arma in più che altri non posseggono, soprattutto quando ad esse riusciamo ad unire lavoro e costanza.

  1. La passionalità:

Gli italiani sono soggetti, come pochi altri, ad abbandonarsi a passioni furiose e brucianti, al limite dell’ossessione, questa sorta di maniacalità si rivela spesso un carburante ideale per raggiungere grandi risultati.

  1. La sfiga:

Altrove i cittadini, giovani e meno giovani, sono soggetti a distrazioni di varia natura: la carriera lavorativa, gli investimenti economici, le passioni politiche o culturali e il sesso, in Italia invece tutto ciò riguarda una piccolissima fascia della popolazione: la maggioranza di noi è disoccupata o mal-occupata, con scarsissime disponibilità economiche, ormai indifferente se non addirittura disgustata dalla politica e pochissimo interessata alla cultura.

E sul sesso stendo un velo pietoso.

Negli hobbies però non ci batte nessuno.

One thought on “I dieci punti di forza dei degustatori italiani secondo Norberto

  1. […] Fonte: Movimento Birra   La tradizione culinaria: L’enorme importanza per il popolo italiano della cucina e del convivio non è certo un segreto, una tradizione secolare che ha cementato la nostra attitudine al gusto e che ci ha abituato ad apprezzare e riconoscere il buon cibo e il buon bere. La tradizione vinicola: Il vino è anch’esso parte integrante della nostra storia e del nostro quotidiano. La sua presenza costante a tavola è un viatico quasi obbligato che… Leggi: I dieci punti di forza dei degustatori italiani secondo Norberto […]

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Collabora con noi!

Vuoi collaborare con la rivista o il blog di MoBI? Scrivici a movimentobirrarioitaliano@gmail.com!

  • 164,652 visitatori
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: