Beerology, di Mirella Amato. Recensione e intervista

Lascia un commento

21/01/2015 di movimentobirra

Everythi03-beerologycover-796x1024ng You Need to Know to Enjoy Beer… Even More

Ed. Appetite for Random House, Canada

Ed ecco irrompere nelle librerie il primo attesissimo libro di Mirella Amato, da me definita “la mia migliore allieva”:-)

Incontrai Mirella per la prima volta a Gragnano dove la volli giudice per “Birre Sotto il Vesuvio”, campionato italiano homebrewers tenutosi presso il Premiato Pastificio Afeltra il 7 ottobre 2007. Trovate ancora tracce dell’evento in rete:

http://www.beerpassion.it/pages/concorsoHBGragnanoOttobre2007_1.htm

http://www.acquabuona.it/visionisud/annonove/atuttabirra.shtml.

Fui subito colpito dalla sua professionalità, passione, voglia di imparare con umiltà ma con tanta determinazione e tra noi nacque subito un feeling che si è consolidato nel corso degli anni cementando un profonda amicizia condita da un reciproco affetto.

Mirella, di chiare origini campane, è un tipo tosto e con gli attributi e si sta giustamente imponendo nel variegato panorama degli esperti di birra, oltre che per le capacità e le doti da me sopra elencate, per la sua rapida e continua crescita professionale che l’ha portata a diventare stimata giudice nelle più prestigiose competizioni internazionali, apprezzata scrittrice e, cosa per me di ancor maggior valore, instancabile divulgatrice del “verbo” delle birre di qualità. Trovo questo suo primo libro perfetto sia per il neofita che si voglia avvicinare a questo fantastico mondo per acquisire fondamenti essenziali ma anche per il lettore più smaliziato e competente che qui può trovare delle chicche e delle informazioni poco conosciute, tutte regalate con chiarezza e con una scrittura piacevole e scorrevole. Va letto tutto d’un fiato la prima volta e poi ripreso ad ogni desiderio di voler approfondire i tanti argomenti che Mirella tocca e sviscera con leggerezza e con un tocco di modernità che rendono “Beerology” molto attuale e al passo con i nostri tempi, quell’attualità della quale molti altri beer writers sembrano non accorgersene propinando ai lettori sempre la stessa zuppa.

 

Mirella con Kuaska

Mirella con Kuaska

Intervista 

Presentati, per favore, ai nostri lettori.

Mi chiamo Mirella Amato e sono canadese. Lavoro nel settore della birra dal 2007. Offro servizi di consulenza ai pub e birrifici e sono specializzata in degustazione, servizio della birra ed abbinamenti cibo & birra. La mia impresa si chiama Beerology ed il mio sito internet è beerology.ca. Sono la prima persona all’esterno degli Stati Uniti a superare l’esame per diventare Master Cicerone.

Quando è nata in te la passione per le birre?

Sono stata molto fortunata perché ho scoperto la birra artigianale quando ero ancora adolescente. Per me, era poi difficile capire perché così tanta gente sceglieva di bere sempre la stessa birra, brocca dopo brocca. Spingevo dunque i miei amici a provare sempre nuove birre e nuovi sapori. Era una passione per me dall’inizio, anche prima che diventasse il mio lavoro.

Qual è stato il momento magico che ti ha fatto decidere di fare di una passione un mestiere?

Già come adolescente volevo lavorare nel mondo della birra, pero non sembrava possibile. A parte il fatto che il lavoro che faccio io non esisteva proprio, in quel periodo, c’erano pochissimi birrifici artigianali e la gente non se ne interessava. Mi ricordo, però, di aver detto più volte “un giorno, scriverò un libro per condividere la mia passione per le birre artigianali”. Nel 2006, ho deciso di abbandonare il lavoro che facevo e non ero sicura del tipo di lavoro che volevo fare. Una sera, dopo qualche birra, un mio amico mi chiese “se potessi fare qualunque lavoro volevi, che cosa faresti?” ed io, in quello momento, risposi “scriverei un libro per condividere la mia passione per le birre artigianali”. Lui mi disse: “dunque, è questo che dovresti fare”. Sembrava così semplice. Il giorno dopo mi sono buttata e non ho più guardato indietro.

Come sta andando la tua attività?

Benissimo! Il mio ‘lavoro’ è in continua evoluzione perché 1) il mondo della birra è sempre in crescita & 2) studio senza tregua. All’ inizio scrivevo articoli ed organizzavo degustazioni, poi ho cominciato a fare formazione e dare corsi vari e finalmente, l’anno scorso, ho avuto occasione di scrivere il libro del quale parlavo già da anni!

Parlaci del tuo primo libro dal concepimento fino al parto finale.

Il mio obiettivo con questo libro era quello di trasmettere la mia passione e di dare al lettore tutte le informazioni necessarie perché possa scegliere con sicurezza la birra giusta per ogni momento, da abbinare con il cibo che mangia per esempio, o semplicemente per soddisfare il suo umore. Sapevo quale contenuto volevo includere, ma non ero sicura di come organizzarlo. Sono stata molto fortunata di poter lavorare con Random House, una grande casa editrice. Mi hanno aiutato ad organizzare i miei pensieri e si sono occupati dell’aspetto visuale. E ‘stato un sacco di lavoro, ma sono molto contenta del prodotto finito.

Qual è l’attuale scena birraria canadese, dall’ovest all’Ontario fino al Quebec?

E’ un periodo interessante in questo momento. Cinque anni fa eravamo veramente molto indietro rispetto ai nostri vicini al sud. Pochissime IPA, niente birre acide – soprattutto stili di birra Tedeschi ed Inglesi (stout, porter, brown ale, pale ale, Pilsner, Dunkel, Weissbier, vienna lager). Negli ultimi anni c’è stata una grande crescita…molti nuovi birrifici, dei birrai più giovani ed energici. Poi c’è molta più gente che s’interessa alla birra ed ha la mente aperta. I birrai hanno dunque la possibilità di creare nuove birre e stili meno comuni. Stiamo recuperando velocemente.

Come ne prevedi il futuro?

Per i prossimi 1-2 anni, penso che continueremo a seguire gli Stati Uniti. Dopo averli raggiunti, poi non so. Io vorrei vedere un po’ più di indipendenza, l’emergre di una tradizione Canadese…vedremo!

Lorenzo Dabove “Kuaska”

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Collabora con noi!

Vuoi collaborare con la rivista o il blog di MoBI? Scrivici a movimentobirrarioitaliano@gmail.com!

  • 169,714 visitatori
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: