Homebrewing in lattina

7

01/03/2013 di movimentobirra

L’idea di confezionare birra in lattine mi è venuta per la combinazione di diversi elementi.

Anzitutto la passione per la birra, che è iniziata da una decina d’anni  con la prima visita di un birrificio londinese; poi, due anni fa,  sono stato in vacanza a Crans-Montana e in quella circostanza ho visitato il birrificio “La Marmotte” il cui titolare mi ha spiegato in dettaglio tutto il processo mentre eseguiva una cotta.  Dal quel momento ho iniziato ad interessarmi, prima con la lettura di testi, poi con le prime prove utilizzando il mosto preparato, successivamente il “Partial-mash”,  fino ad arrivare all’ “All-grain”. Ho prodotto  solo birre ad alta fermentazione e in questo contesto apprezzo molto quelle belghe.

La cosa più difficile è stato reperire l’imballaggio: “la lattina” e,  grazie ad una struttura produttiva con la quale ho contatti diretti, sono riuscito ad avere lattine sleek  anonime e coperchi ad uso campionatura. In collaborazione con un grafico locale abbiamo realizzato il label sulla lattina, che rappresenta, in modo stravagante e immaginario, la Dea Maja in stile liberty.

Altro fattore, infine, è stato la disponibilità di una graffatrice  per il confezionamento.

L’insieme di questi tre elementi difficilmente reperibili e combinabili tra loro sul mercato hobbystico, mi hanno indotto a  pensare di essere uno dei pochissimi homebrewer al mondo, se non l’unico, a produrre birra in lattina.

Perché scegliere proprio la lattina come contenitore?  Premetto che tutte le mie produzioni di birra sono state confezionate in bottiglia, però, in qualche modo mi sento di essere una persona con una velata vocazione al marketing (pur svolgendo  tutt’altro lavoro); ad esempio, curo in dettaglio le etichette per ogni tipo di birra, i rispettivi copri-tappi, i nomi e la sua  storia. La scelta sulla lattina è ricaduta, primo per l’opportunità di approvvigionarmi dei contenitori, poi  perché la lattina dal punto di vista estetico è più “vestibile”. Infine, perché credo, anche sulla base di ricerche  e recensioni sul web, di avere, sempre come homebrewer, il primato nel confezionare birra in lattina. Le lattine sono state sanitizzate con una soluzione clorata, anche se provengono da un processo di produzione che le sterilizza per effetto della temperatura. Per la seconda  rifermentazione è stata usata la stessa tecnica che normalmente si usa per le bottiglie, in questo caso, per la English bitter, ho usato 2,2 gr./33c.

Sulla base della mia esperienza, ritengo che questo tipo di imballaggio permetta una corretta rifermentazione e che sia idoneo per la conservazione della birra; tra l’altro la lattina protegge il prodotto dalla luce meglio di molti  altri contenitori. Per questo nuovo uso di packaging ho prodotto 23 lt di English bitter, confezionando metà cotta in bottiglia e l’altra metà in lattina, complessivamente circa un vassoio da 24 lattine. Ho confrontato qualitativamente, in compagnia di un sommelier, la stessa birra sia in lattina che in bottiglia e non abbiamo trovato alcuna differenza sostanziale.

E’ un’esperienza da ripetere? Non so, probabilmente sì, ma mi piacerebbe provare anche altri imballaggi come le slim, le fusion ed altri  packaging diversi da quelli tradizionali.

Antonio Levis

7 thoughts on “Homebrewing in lattina

  1. mirco ha detto:

    dove hai reperito le lattine ?

    • Antonio ha detto:

      Ciao Mirco,
      le lattine le ho reperite “eccezionalmente” tra una campionatura di semilavorato, sono neutre e quindi non vendibili, successivamente, in collaborazione di un amico grafico le abbiamo “rivestite”.
      Saluti
      Antonio

  2. Emilio ha detto:

    Complimenti sei stato bravo! A mio giudizio se prepari la birra in lattina o bottiglia dovresti cambiare la dose di zucchero x la seconda fermentazione. In fatto non ce differenza ma il contenitore più piccolo e diverso dal contenitore più grande e la seconda fermentazione in quello grande nel lungo periodo cambia. Sarebbe interessante se tutti i tipi di birra si possono fare così. Ciao e grazie per la tua informazione.

    • Antonio ha detto:

      Ciao Emilio e grazie per i complimenti.
      Per quanto concerne il dosaggio dello zucchero nella seconda fermentazione in lattina, non facendo troppi calcoli, ho riparametrato semplicemente la stessa quantità usata in bottiglia, sarà stato un caso ma, a due mesi da confezionamento, ho ottenuto lo stesso risultato. Ovviamente, farò dei test a seguire durante la maturazione inoltrata, ti aggiornerò qualora ci siano differenze di CO2 tra i due packaging.
      Saluti
      Antonio

  3. insubreman ha detto:

    a Rimini ho avuto occasione di confrontarmi con i proprietari di un noto birrificio che hanno deciso di provare a vendere birra artigianale in lattina.
    E’ stato un investimento non da poco…il mio punto di vista, che ho anche comunicato a loro, è che il prodotto in lattina è visto dal consumatore (sbagliando!) come un articolo di “seconda scelta”. Pensiamo alla coca cola….in bottiglietta di vetro= top;in lattina = tap!….secondo me sono lo stesso prodotto, eppure qualcuno continua a dire che sono diversi….mah!!!!?????

    • Antonio ha detto:

      Salve,
      ritengo che per certi aspetti la lattina sia migliore di altri contenitori in quanto permette una migliore conservazione grazie alla protezione dalla luce. Poi dal punto di vista personale e culturale, specie per i prodotti di qualità o di eccellenza, come la birra artigianale o il vino, preferisco il vetro ad altri packaging.
      Saluti
      Antonio

  4. dan ha detto:

    Grandioso , ma ho perso il passaggio della chiusura lattine, hai comprato il macchinario o cosa.? Ciao sono Dan, e molto confuso, preparo I miei prodotti (verdure , marmellate, etc) ma con il vetro devo imballare troppo e l idea delle lattine mi frulla in testa da un po, ma come sai non e facile,! Grazie per I consigli futuri

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Collabora con noi!

Vuoi collaborare con la rivista o il blog di MoBI? Scrivici a movimentobirrarioitaliano@gmail.com!

  • 158,879 visitatori
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: